Remote Incident Manager (RIM)

Passare al contenuto di Windows
Cambia lingua

RIM dispone di un dashboard basato sul Web per facilitare varie attività di gestione dei computer e degli account. È possibile gestire i computer non presidiati esistenti, creare programmi di installazione preconfigurati per i computer di destinazione e molto altro ancora.
Va notato che le funzionalità del dashboard dipendono in larga misura dal livello di abbonamento dell’account. Ad esempio, gli utenti aziendali possono assegnare i computer a gruppi di destinazione e creare installatori silenziosi. D’altra parte, chiunque (compresi gli utenti privati) può creare installatori personalizzati per i propri computer non presidiati.

Individuazione della Dashboard

Se si è un controller, il modo più semplice per raggiungere la dashboard è attraverso l’interfaccia principale di RIM. Facendo clic sul pulsante RIM Dashboard si aprirà automaticamente la dashboard nel browser predefinito, con il login già effettuato.
Se siete un amministratore di rete che non ha installato RIM, potete semplicemente accedere al vostro account sul sito web di RIM e la vostra dashboard apparirà.

Gestione dei membri dell’organizzazione (Enterprise)

Attivando il pulsante “Organizzazione” sulla dashboard RIM, si aprirà un menu di opzioni relative all’organizzazione e alla gestione dei membri. La pagina “Membri” elenca tutti i membri dell’organizzazione. Tutti i membri possono essere modificati nel ruolo, nel reparto e nel nome e tutti i membri possono essere disattivati o rimossi da un’organizzazione, tranne il proprietario dell’organizzazione. Si noti che la disattivazione di un membro renderà il suo account inutilizzabile, pur conservando il suo record.

Per aggiungere un membro è sufficiente inserire il suo indirizzo e-mail, selezionare il suo ruolo (utente o amministratore), inserire facoltativamente il suo nome e selezionare il suo reparto, se è stato creato. Se si devono aggiungere più membri, è possibile utilizzare il campo di modifica “Membri” per eseguire un’aggiunta in blocco. Questo campo di modifica accetta più righe di testo, consentendo di inserire le informazioni di ciascun membro su una riga separata. Su ogni riga è possibile inserire un singolo indirizzo e-mail o un indirizzo e-mail e un nome nel formato:
email@example.com John Doe

Al termine, fare clic sul pulsante “Aggiungi”.

Reparti

I dipartimenti consentono di organizzare i membri in base ai vari gruppi dell’organizzazione.

Per aggiungere un reparto, inserire il suo nome nella casella di modifica “Nome” sotto la voce “Crea reparto”.

Esportazione dei dati dei soci

L’elenco dei membri dell’organizzazione può essere esportato come file CSV. Per scaricare l’esportazione:

  1. Scegliere il separatore di campo che separerà le colonne del file. Le opzioni disponibili sono:
    • virgola
    • Punto e virgola
    • Tab
  2. Attivare il pulsante “Download”.

Gestione degli obiettivi

Facendo clic sul link “Configura obiettivi”, si accede a una pagina che consente di gestire tutte le macchine configurate per l’accesso non presidiato. È possibile fare clic su una qualsiasi di queste macchine per gestirla. Una volta entrati, sarà possibile

  • Rinominare il target
  • Spostare il target in un gruppo diverso (maggiori informazioni sui gruppi di target in seguito)
  • Avviare una sessione remota con il target
  • Eliminare il target

Gruppi di destinazione (per gli account Pro e superiori)

Supponiamo che il vostro gruppo di lavoro sia distribuito in diverse sedi. O forse si desidera designare gruppi di macchine per i tecnici della manutenzione ordinaria. I gruppi di destinazione consentono di fare proprio questo. Per farlo, è sufficiente fare clic sul pulsante “Crea gruppo di destinazione”, assegnare un nome al gruppo e inviare.
È possibile creare tutti i gruppi di destinazione necessari per il proprio caso d’uso.

Controllo degli accessi (per le organizzazioni aziendali)

Se le organizzazioni assegnano un tecnico dell’assistenza a un gruppo specifico di macchine, probabilmente si vuole garantire che abbia accesso solo a quel gruppo specifico. È qui che entra in gioco l’impostazione del controllo degli accessi per i gruppi di destinazione.
Quando si fa clic su un gruppo di destinazione, vengono offerte le opzioni per gestire i computer del gruppo e il gruppo stesso. Nella sezione di controllo dell’accesso è possibile concedere l’accesso al gruppo in base all’account. È sufficiente inserire l’indirizzo e-mail dell’account che si desidera aggiungere, quindi fare clic sul pulsante “Dai accesso”. Si noti che questo account può esistere al di fuori del dominio dell’organizzazione aziendale.
Una volta completata l’operazione, verrà presentata una tabella di account a cui è stato concesso l’accesso a questo gruppo. Sotto ogni account è presente il pulsante “Revoca accesso”. Questo pulsante non richiede ulteriori conferme.
Si noti che a tutti gli amministratori dell’organizzazione viene automaticamente concesso l’accesso alla gestione di tutti i gruppi creati nell’ambito dell’organizzazione. Inoltre, tutti gli indirizzi e-mail che rientrano nei domini dell’organizzazione saranno aggiunti all’organizzazione in RIM per impostazione predefinita. Se si desidera un controllo più granulare su chi viene aggiunto, è possibile disattivare questa opzione nell’area principale dei membri dell’organizzazione. Inoltre, nell’area membri è possibile aggiungere indirizzi e-mail in blocco inserendo virgole, spazi o interruzioni di riga tra gli indirizzi e-mail.

Impostazione di un programma di installazione RIM preconfigurato (Pro o superiore)

Uno dei modi più semplici per impostare un computer per connessioni non presidiate o richieste è creare un programma di installazione personalizzato. Questo è incredibilmente utile se si stanno configurando distribuzioni di massa o anche come modo più semplice per rendere RIM attivo e funzionante sul computer di un utente finale per il quale si intende fornire assistenza regolarmente.

Per fare questo:

  1. Nella schermata di gestione dei target, fare clic sul pulsante “Build Target Installer”.
  2. Verrà innanzitutto chiesto se si desidera che la macchina sia configurata per l’accesso completamente non presidiato o per l’accesso guidato, in cui l’utente deve accettare una richiesta per avviare la connessione.
  3. Verrà quindi richiesto di assegnare un gruppo di destinazione. Si noti che la selezione del gruppo di destinazione andrà automaticamente al gruppo di destinazione scelto se si avvia la configurazione del programma di installazione dalla pagina del gruppo.
  4. Verrà chiesto per quanto tempo si desidera che il programma di installazione sia valido. La validità può variare da 7 a 30 giorni. Si noti che questo periodo di tempo influisce solo sulla funzionalità del pacchetto di installazione. In altre parole, la configurazione RIM della macchina non verrà disattivata alla scadenza dell’installazione.
  5. Viene quindi data la possibilità di assegnare un nome basso. A qualsiasi macchina approvvigionata tramite questo pacchetto di installazione verrà assegnato questo nome di base.
  6. Viene quindi presentata una casella di controllo che consente di scegliere di ricevere una notifica via e-mail quando un utente installa RIM tramite questo programma di installazione.
  7. Se siete un amministratore aziendale, vedrete una casella di controllo che vi permette di creare il programma di installazione come pacchetto MSI. Questa opzione è utile per la distribuzione di massa di un programma di installazione personalizzato su un cluster di macchine che saranno designate per il gruppo di destinazione indicato.
  8. Verrà richiesto di fornire il nome del programma di installazione e, facoltativamente, alcune note. Queste sono per i registri interni e non appariranno nel programma di installazione creato.
  9. Fare clic su “Build Installer” Verrà visualizzato il link per il download che può essere copiato negli appunti e inviato all’utente finale. In alternativa, è possibile scaricare direttamente il programma di installazione per utilizzarlo nelle distribuzioni di massa.

Una volta ottenuto il programma di installazione, è possibile eseguirlo in due modi. In entrambi i casi, al termine dell’installazione il computer verrà aggiunto all’elenco dei computer dell’account e del client RIM.

Esecuzione normale

Durante l’esecuzione del programma di installazione, l’utente riceverà un prompt contenente le seguenti informazioni:

  • Il nome del tecnico e la sua organizzazione, se applicabile
  • la natura della connessione, ovvero se è richiesto un prompt o meno

L’utente può scegliere se rispondere sì o no all’installazione. Rispondendo no, l’installazione viene annullata. Al termine dell’installazione, l’utente riceverà un messaggio che lo informa che il suo computer è ora configurato per l’accesso remoto.

Installazione silenziosa (solo per gli installatori aziendali)

È possibile avviare un’installazione silenziosa eseguendo il programma di installazione eseguibile con il parametro della riga di comando /S. Questo è utile quando si installa RIM come parte di una routine di distribuzione di massa.

Cronologia della sessione

È possibile visualizzare l’intera cronologia delle sessioni passate attraverso il cruscotto di RIM. La cronologia delle sessioni contiene attualmente la data e l’ora di ogni sessione, il nome del computer a cui ci si è connessi e la durata della sessione. Si può anche scegliere di aggiungere commenti a una sessione tramite il link “Aggiungi commento” nella riga della sessione. Questo è utile per aggiungere note sullo stato attuale di un incidente, sia per sé che per gli amministratori dell’organizzazione.

L’intera cronologia delle sessioni può essere esportata per una successiva visualizzazione tramite un foglio di calcolo. Attivare il pulsante “Scarica la cronologia delle sessioni come CSV”, situato sotto la tabella della cronologia delle sessioni, per visualizzare una pagina di personalizzazione per l’esportazione dei dati. In questa pagina è possibile scegliere la durata dell’esportazione e il simbolo utilizzato per separare i campi.

Gestione dell’abbonamento (piani Personal e Pro)

Il cruscotto consente di visualizzare e gestire facilmente i dettagli dell’abbonamento RIM. Facendo clic sul link “Gestisci abbonamento”, è possibile:

  • Aggiornare il proprio piano
  • Aggiornare il metodo di pagamento
  • Annullare i pagamenti ricorrenti

Aggiornamento del piano

È possibile aggiornare facilmente il proprio abbonamento. Se avete un piano mensile, vi verrà addebitato il costo residuo del nuovo importo, mentre l’intero importo verrà addebitato per i mesi successivi. Facendo clic su “Aggiorna abbonamento” si apre una pagina quasi identica a quella di selezione del piano iniziale. Ci sono alcune differenze degne di nota che illustreremo di seguito:

  • Non è possibile effettuare il downgrade a un piano con meno macchine. È invece possibile passare da un piano mensile a uno annuale con lo stesso numero di macchine del piano attuale. Per effettuare il downgrade, è necessario annullare il piano, attendere la sua scadenza e avviare un nuovo piano con un numero inferiore di macchine.
  • I piani Enterprise, compreso l’addon Enterprise, non possono essere acquistati direttamente da questa pagina.

Annullamento dei pagamenti ricorrenti

Quando si fa clic su “Annullamento del rinnovo automatico”, viene richiesta una conferma, dopodiché l’abbonamento viene impostato per scadere alla fine del periodo corrente.